“Parole in prestito”, una storia nella libreria Palmieri – Riflessioni

IL BUON LETTORE

parole in prestito-cover

(di Raffaele Polo)

La storia della Libreria Palmieri, del suo fondatore, delle donne che si sono occupate dell’attività dopo la sua scomparsa, fanno da sfondo a questo accorato e intimistico scritto di Daniela Palmieri, figlia di Edo, che tesse una sorta di poema, un’ode in memoria dei tempi che furono e che non ci sono più, diversissima la contemporaneità da quell’infanzia leccese che ruotava attorno alla figura del padre.

Daniela riesce a creare un effetto-sogno molto ben strutturato, inserendo nei ricordi scolpiti dalla drammaticità di chi li ha vissuti in prima persona, una rappresentazione di come era la nostra terra, il nostro Salento e soprattutto Lecce, negli occhi dei giovanissimi che raccolgono le sensazioni piuttosto che le immagini. Ed è sicuramente il pregio più evidente di questo scritto, sospeso in una incantata nebbia che fa scintillare discretamente i bagliori dei frammenti di vita che non ci sono più.

Edito nella…

View original post 239 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...